Caricamento

"Libro Di Habbo" "I retroscena del Sol" Ep.21 Rendimi forte

Scritto da _Hanon_love_autrice il 20/07/2020 alle 17:14

0 commenti & 311 visualizzazioni

Scritto da _Hanon_love_autrice

#1
Data 
...Mentre una donna, seduta al tavolo vicino a quello dei neo-innamorati, prestava soccorso all'atterrata Vanessa. La serata di ognuno dei presenti si era cristallizzata non appena la rissa ebbe inizio: pugni, calci, parole, volavano di qua e di là, senza un preciso ordine, uno schema, un senso. Due amici, diventati rivali, per amore, stavano combattendo da eterni innamorati, e da eterni guerrieri perivano ad ogni colpo che si infliggevano tra di loro, mentre Vanessa osservava inerme il ring, senza poter muovere un dito, senza che le sue parole arrivassero alle loro orecchie. L'amore era stato indebolito dal suo stesso alter ego: vi era un vantaggio notevole che distanziava, in questa gara, l'amore come sentimento puro, passionale, invincibile, dall'amore oscuro, ribelle, caino. Non c'era storia.
Arriva la sicurezza, che cerca in tutti i modi di distaccare i due combattenti, ormai stropicciati nel loro abbigliamento, e nel loro amore, tempestato dall'oscurità della rabbia, che prevaleva sul sentimento che entrambi provavano verso Vanessa, in lacrime, disperata, difronte a quell'abominevole visione.
Kai: <<Permettiti di guardarmi di nuovo negli occhi, e ti assicuro che per te non ci sarà futuro!!>>
Zack: <<Finalmente è venuto fuori l'animale che c'è in te! Non ti guardi?! Sei orrendo! Pieno di ciò che di male provochi, hai provocato e provocherai! Vergognati, VERME!!>>
Agitati, con le mani che vibravano dalla rabbia, ancora in piena carica, e desiderosa di essere scaricata, non riuscirono questa volta a non ascoltare le parole che Vanessa voleva professare, dopo che si era messa in mezzo al loro round, accusando lei stessa qualche misero colpo..
Vanessa: <<BASTA! Adesso avete esagerato! Vergognatevi entrambi! Avete reso questa serata un pieno inferno! Avete trasformato il mio sogno d'amore in un incubo! E ancora credete di poter parlare?! VERGOGNATEVI! Mi contengo nel non dirvi cosa mi suscitate in questo momento..>> con le lacrime che scorrevano lente sul suo viso abbellito dal trucco, e sbiadito dalla vergogna..
Zack: <<Tu dici a me di vergognarmi?! Sei tu la causa di tutto questo! Sei tu che porta solo il male nei nostri rapporti! SENZA LA TUA PATETICA PRESENZA NON SAREMO QUI A LITIGARE PER UNA COME TE!>> con una voce rimbombante, dura e fredda, in grado di falciare le pietre, in questo caso, l'anima gia lesionata della povera ragazza..
Vanessa non aggiunse altro, e dato il silenzio apatico di Kai, prende la borsetta che aveva lasciato sulla sedia di bianco rivestita, e lascia frettolosamente il ristorante, con le lacrime che le facevano da strascico, e gli sguardi della gente che le facevano da accompagnatori. La giovane era riuscita, seppur non direttamente, a placare la rissa, continuata solo tra gli sguardi dei due giovani, pieni del fuoco della rabbia, che ancora ribolliva nei loro animi, anche se, un primo, piccolo, insignificante, bagliore di luce stava ravvivando nel dolce animo di Kai, resosi conto di ciò che da lui era stato commesso. 
Il giovane muscoloso si guarda in uno degli specchi posizionati nella sala del ristorante, e nota il rossore degli schiaffi subiti, i primi lividi che comparivano, i vestiti strappati, gli stessi che dovevano sancire, a livello materiale, l'inizio di una grande storia d'amore, finita miseramente schiacciata dai pugni che i due rivali si era inflitti a vicenda. 
Non indugia oltre: raccoglie la giacca che aveva appoggiato sullo schienale della sedia, si risistema per quel che poteva, la camicia, ormai distrutta, e corre a cercare Vanessa, provando e riprovando a chiamarla; Ma nessuna risposta.

I tacchi risuonavano nel silenzio della strada, e il vestito arricchiva le sue movenze allo scorrere di quel poco di vento, che quella sera animava la città: Le lacrime erano finite, come se anche la stessa Vanessa aveva capito che non vi era più nulla per cui piangere, come se il litigio, la rissa, aveva in qualche modo distrutto la fragile storia appena nata. 


Vai al forum: