Caricamento

"Libro di Habbo" "I retroscena del sol" Ep.22 Dammi la mano

Scritto da _Hanon_love il 03/08/2020 alle 07:55

0 commenti & 307 visualizzazioni

Scritto da _Hanon_love

#1
Diamanti 
Stanca di camminare, si siede su di un muretto mediamente alto, alzando lo sguardo al cielo, ad osservare le stelle, ed il buio, il vuoto, che le circondava: tutto ciò era tremendamente uguale a ciò che lei aveva vissuto quella sera, a ciò che aveva provato, a ciò che avrebbe potuto fare. 
Non riuscì ad approfondire la sua riflessione interiore, poichè interrotta dal grido di un giovane, di Kai, che pronunciava il suo nome. La sua voce, il suo andargli incontro, era un qualcosa che Vanessa non poteva non amare, non poteva far finta di nulla, oscurare i suoi sentimenti, puri e candidi, seppur messi in dubbio.

Kai: <<VANESSA! Vanessa! Finalmente ti ho trovata..!>> disse rallentando il suo passo, una volta arrivato difronte alla giovane donna, con il fiatone.. <<Credevo fossi andata via..>>

Vanessa: <<Dovevo, ma a quanto pare non l'ho fatto. Sai io per quanto possa essere arrabbiata, delusa, non scappo da ciò che amo, anzi, lotto finchè non lo ottengo. Tu non hai fatto questo.. Tu stasera mi hai delusa.. Ti sei preoccupato di assestargli un bel destro a quello, piuttosto che proteggermi, difendermi!>> disse la ragazza con un groppo in gola, che le masticava le parole.. <<Cosa hai concluso picchiandolo? Spiegamelo perchè io non l'ho ancora capito..>>

Cosa dire? Non c'era risposta, non c'era nulla che potesse sorreggere la conversazione, o forse..
Kai, in silenzio, si avvicina alla ragazza, si siede sul muretto occupato in precedenza gia da lei, e porta la sua mano, su quella di Vanessa, sulla gamba sinistra, e con l'altra le volta la testa, verso la sua, guardandola dritta nei suoi occhi verdi-celestini, e dice..

Kai: <<Imperdonabile, solo imperdonabile. Il più grande sbaglio della mia vita, è stato volerti proteggere con le mani, e non con le parole. E dietro a quei miei pugni, c'era solo rabbia pregressa e repressa, che stasera ho avuto modo di sfogare.. Non era per te, era per me. Ma ti giuro, e ripeto, TI GIURO, che non ti abbandonerò mai più in una situazione del genere..>> disse ciò non smettendo mai di guardarla nei suoi splendidi occhi, che brillavano alla luce della Luna..

Avevano motivo di brillare: Appena Kai si era seduto accanto a lei, aveva provato una sensazione mai sentita, mai percepita, un ribollire interiore, un tonfo al cuore. Il colpo finale, la mano del giovane che stringeva la sua, una mano calda, con un minimo di rossore, grande tanto da avvolgere la sua, come ad abbracciarla amorevolmente; E poi, il far girare la sua testa, il suo sguardo, verso quello di Kai, le creava instabilità interiore, le brillavano gli occhi non solo per la luce della Luna, ma anche per l'emozione che le parole del ragazzo, le scaturivano. 
Come fare a provare un tale sentimento verso una persona con cui hai ufficializzato la relazione la sera stessa? 
Vanessa non ha mai smentito il sentimento che provava per Kai, forse ha deciso, in precedenza di occultarlo, di mentire a se stessa, ma non ha mai negato di amarlo. Un emerita bugia per ingannare una metà del suo cuore, mentre l'altra amava altro, amava un altro, troppo vicino a Kai, e anche troppo lontano da Vanessa.

Kai: <<Se non dici qualcosa inizio seriamente a preoccuparmi.. Sto sudando come un cammello..>>

Vanessa: <<Eviterei schiocchi discorsi romantici.. In questo momento mi sento solo di fare questo..>> disse, accostando le sue labbra a quelle di Kai, regalandosi e regalando al giovane il primo bacio della coppia, un'esplosione di emozioni, tutto racchiuse in quell'azione: Il bacio.
 
Le sue labbra morbide, tanto desiderate da Vanessa, e sicuramente è lo stesso desiderio in precedenza provato da Kai, tanto timido quanto innamorato, in attesa, come Romeo al balcone di Giulietta, solo del suo amore, che finalmente volgeva lo sguardo solo a lui.

Il bacio alla luce della Luna, e delle stelle come testimoni del loro amore, venne interrotto dall'arrivo di un cameriere del ristorante, dove avevano cenato i due, che chiedeva il conto da saldare..


Vai al forum: